Legal & Society

LEI, da Sempre

milano cbd weedex erba legale, shop erba legale, cannabis, cbd, olio cbd,
LA CANAPA

È sicuramente la pianta più discussa, chiacchierata, ma anche amata dell’intero regno vegetale.

Portatrice di una millenaria cultura, spesso, nel tempo, ci siamo soffermati eticamente e praticamente sulle sue molteplici funzioni. Pianta dalla storia antichissima, ha accompagnato la civiltà umana con diversi usi, anche a seconda della diversa specie. I più rinomati sono sicuramente quello tessile, sopratutto nel nostro paese, farmacologico, grazie alle numerosi metaboliti che contiene, cosmetico e psicotropo, partendo da riti religiosi di antiche civiltà, passando dai poeti francesi del 880 e arrivando fino alla progressiva legalizzazione dei giorni nostri.

La canapa o cannabis è una pianta erbacea è una pianta presente sin dagli albori della società umana, probabilmente sia per l’estrema facilità con cui può essere coltivata ad ogni latitudine sia per i suoi molteplici usi e ha tre sotto-specie: sativa, indica e ruderalis. A ciclo annuale, può diventare alta sino a tre metri e presenta le caratteristiche foglie a margine dentellato che possono possedere da cinque a tredici punte.

Pezzo di stoffa di canapa ritrovato nel sito archeologico di Çatalhöyük in Turchia, datato 8000 a.c. - Weedex Magazine
Pezzo di stoffa di canapa ritrovato nel sito archeologico di Çatalhöyük in Turchia, datato 8000 a.c. - Weedex Magazine
I PRIMI RITROVAMENTI

I primi dati storici sicuri sul suo utilizzo sono risalenti al periodo neolitico grazie al ritrovamento di alcuni semi fossilizzati in una grotta in Romania e di un pezzo di stoffa nel sito archeologico di Çatalhöyük in Turchia, datato a 8000 a.c.

Diffusa è la sua presenza, in Asia, durante la storia delle civiltà che vi si sono susseguite. Traccia infatti se ne trova negli Ariani, Assiri, Sciti e Traci. Si ritiene comunemente infatti che le piante di cannabis si siano evolute nelle steppe centrali di tale continente, in particolare nelle regioni oggi note come Mongolia e Siberia meridionale.

A testimonianza di ciò, alcuni semi di marijuana bruciati e rinvenuti nei tumuli Kurgan, in Siberia, risalenti al 3000 a.C. Stessa tipologia di ritrovamento anche in alcune delle tombe di nobili sepolti nella regione cinese di Xinjiang e della Siberia intorno al 2500 a.C nonché un manuale medico cinese del 2700 a.c. dove viene citata per le sue doti farmacologiche in ambito odontodriatico.

Le varie migrazioni dei popoli asiatici la portarono anche nel nostro mediterraneo, dove possiamo trovarne traccia nelle Storie dello storico greco Erodoto.

CURIOSITA’

Alcuni attribuiscono il nome della setta islamica nizarita Hashashin, dalla resina prodotta dai fiori della cannabis, hashish da cui deriverebbe etimologicamente il nostro “assassino”, mentre, nello stesso periodo, in occidente la grande storia del suo proibizionismo iniziava con una bolla papale di Papa Innocenzo VIII che già nel 1484 ne vietava l’uso.

In Europa l’utilizzo ricreativo fu probabilmente ritardato poiché le varietà nostrane possedevano molta meno resina, ma nel 1800 divenne una moda grazie anche allo psichiatra Jacques-Joseph Moreau che creò un vero e proprio club a cui presero parte i maggiori artisti francesi dell’epoca come Victor Hugo, Alexandre Dumas, Charles Baudelaire, Honoré de Balzac e Théophile Gautier.

Infine, forse non tutti sanno che il primo prototipo di autovettura alimentata a canapa è un prototipo ideato e costruito da Henry Ford, la Hemp Body Car, completata gia nel 1937. “Perché esaurire le foreste che sono nate attraverso i secoli e le miniere che necessitano di molti anni per formarsi, se possiamo ottenere l’equivalente di una foresta e dei prodotti minerari attraverso la coltivazione annua dei campi di canapa?” affermò il famoso industriale americano.

Hemp Body Car, prototipo ideato e costruito da Hanry Ford, 1937 - Weedex Magazine
Hemp Body Car, prototipo ideato e costruito da Hanry Ford, 1937 - Weedex Magazine

Related Posts

Lascia un commento